Bimp per Gimp 2.10

Gimp
livello-facile

Un plugin che sicuramente mancava nella nuova versione di Gimp è BIMP (Batch Image manipulation Plugin).

La seguente procedura è stata testata su Linux Mint 19 e Gimp 2.10.8.

Non esiste un file .deb da installare, bisogna quindi scaricare il file da compilare direttamente dal sito del programmatore Alessandro Francesconi, gimp-plugin-bimp.

Facciamo quindi il download del file nella cartella Scaricati e scompattiamolo, verrà creata la cartella gimp-plugin-bimp-2.0.

Prima di procedere con la compilazione del file bisogna scaricare alcune librerie e tool per Gimp, quindi apriamo il terminale e con il comando:

  • cd Scaricati/gimp-plugin-bimp-2.0;

entriamo nella cartella scompattata, sempre da terminale digitiamo i seguenti comandi:

  • sudo apt-get install libgimp2.0-dev libpcre3-dev

  • sudo apt-get build-dep gegl

  • sudo apt-get build-dep gimp

Infine, sempre da terminale digitiamo il comando:

  • make && make install

Una volta installato apriamo Gimp e il plugin lo troviamo nel menu File »» Batch Image Manipulation…

bimp

Per aggiungere un’azione clicchiamo sull’icona posta in alto a sinistra della finestra, come notiamo ci sono diversi preset veloci a disposizione, esaminiamo, forse, quello più utilizzato dagli utenti, ossia Rename with a pattern.

Si apre una finestra, come mostrato in basso.

rename

Qui possiamo impostare alcuni parametri per rinominare i nostri file.

Con l’opzione $ possiamo aggiungere un nome a nostro piacere che ci facilita la ricerca in futuro.
Mettendo i simboli all’inizio ed il nome dopo, avremo prima il nome originale della foto e poi quello creato da noi.

Facciamo un esempio: $-Vacanze Londra restituirà nomedellafoto-Vacanze Londra.jpg/png, se invece vogliamo il nome della foto alla fine è sufficiente scriverle alla fine della stringa.

Stesso discorso per le altre due opzioni:
## aggiunge un numero progressivo all’inizio o alla fine del file, esempio: ## – Vacanze Londra restituirà 01 – Vacanze Londra.jpg/png, se invece volessimo il numero progressivo alla fine è sufficiente scriverlo alla fine della stringa.

Per la stringa @@, ossia l’inserimento della data e dell’ora, valgono gli esempi fatti precedentemente.

Potrebbero interessarti anche...

Top