Cracked Skin con Gimp 2.10

Intermedio

File allegati: womancracked-wall

La prima operazione da fare è aprire la foto del ritratto della modella. Io personalmente ho preferito ritagliare l’immagine come mostrato a sinistra, utilizzando la guida della regola de Terzi, attivabile nelle opzioni dello strumento Ritaglia e cercando di tenere il soggetto quanto più al centro possibile.

Rinominiamo il livello in Sfondo.

Ora creiamo una copia del livello Sfondo attraverso l’icona del pannello Livelli o con il comando da tastiera Maiusc+Ctrl+N e rinominiamolo in Ritratto.

Attiviamo poi lo strumento Saturazione dal menu Colori »» Saturazione per aprire la finestra di dialogo e impostare un valore di circa 1,3, come mostrato nell’immagine accanto.

La pelle assume un colore più naturale rispetto all’originale.

Importiamo adesso un’altra foto come livello, dal menu File »» Importa come livelli e apriamo la foto cracked-wall, che trovate sempre in allegato ad inizio pagina.

La foto è molto più grande dell’area di disegno dobbiamo quindi ridurla alla sola area del volto della ragazza, in questo caso utilizziamo lo strumento Trasformazione unificata perché ci consente di fare qualsiasi trasformazione senza dover cambiare strumento. Si attiva con il comando da tastiera Maiusc+T o direttamente nel pannello Strumenti.

Nell’animazione a sinistra la procedura di posizionamento e scalatura del livello cracked-wall.

Ora cambiamo la modalità di fusione per il livello appena scalato e la impostiamo su Moltiplica, come mostrato nel video a sinistra.

Le parti chiare della foto vengono escluse in questa modalità, dando l’impressione che la foto giaccia sulla pelle.

Ritagliamo adesso quelle parti in più che non servono e lo facciamo con lo strumento Selezione a mano libera, lo attiviamo dal pannello Strumenti o con il comando da tastiera F.

A sinistra, mostrata nel video, la procedura.

Come possiamo notare, l’effetto di questa fusione è drammatico ma si porta dietro anche degli elementi della foto che non sono consoni, tipo tutte quelle parti di sporco che stonano e rendono le parti ancora intatte della pelle inguardabili.

A tal proposito ci viene incontro uno strumento molto interessante di Gimp, lo strumento Colore ad alfa, che ha la capacità di convertire alcuni colori in trasparenti.

Si attiva attraverso il menu LIvello »» Trasparenza »» Colore ad alfa.

Clicca per ingrandire

A sinistra, nell’immagine, la finestra di dialogo Colore ad alfa con i settaggi impostati secondo il mio gusto personale.

Il risultato è decisamente migliorato, la parte di pelle ancora sana non è contaminata da parti di sporco e senza questo strumento sarebbe stato difficile raggiungere questo obiettivo. Avremmo potuto agire con lo strumento Livelli, rischiando di alterare troppo luminosità e tonalità della pelle.

Aggiungiamo adesso una maschera di livello a quest’ultimo livello, ci serve perché dobbiamo andare a togliere le parti in abbondanza del muro che sconfinano oltre il volto e comunque a pulire gli occhi, la bocca, il naso e ancora alcune parti di sporco che rovinano esteticamente l’immagine.

Nel video a sinistra una breve rappresentazione della procedura effettuata con lo strumento Pennello ed il colore nero direttamente sulla maschera appena aggiunta.

In basso il risultato dopo la pulitura con lo strumento Pennello applicato sulla Maschera di livello.

Siamo giunti al termine del tutorial, aggiungiamo una leggera saturazione con lo strumento Saturazione, attivabile attraverso il menu Colori »» Saturazione.

Nell’immagine a sinistra le impostazioni da seguire.

Risultato finale.

Potrebbero interessarti anche...

Top