Duotone – Gimp 2.10

medio

File allegati: duotone.zip

In questo tutorial utilizzeremo due soggetti diversi, nella prima foto c’è una modella bionda con capelli lisci e nell’altra una ragazza di colore con capelli ricci.

Partiamo dalla ragazza bionda, una volta aperta l’immagine la ritagliamo con lo strumento Ritaglia, come mostrato nella figura a sinistra.

Abbiamo tolto la maggior parte dello sfondo che in questo tipo di realizzazione non serve.

Duplichiamo il livello con il comando Maiusc+Ctrl+N o direttamente dal pannello Livelli cliccando sull’apposita icona.

Il primo passaggio consiste nel desaturare la foto, quindi andiamo nel menu Colori »» Desatura »» Desatura per aprire la relativa finestra di dialogo.

Scegliere come modalità: Media, come mostrato nell’immagine a sinistra.

Il passaggio successivo è cercare di ridurre l’immagine a solo due colori, in questo caso il Bianco e il Nero, uno strumento facile ed immediato da utilizzare è lo strumento Soglia attivabile attraverso il menu Colori »» Soglia, si apre la relativa finestra di dialogo, come mostrato nell’immagine a sinistra e dobbiamo cercare di separare i colori in modo che non si perda troppo dettaglio del soggetto ma che contemporaneamente elimini tutte quelle informazioni di colore che rendono poi difficile l’applicazione di questa tecnica.

Nell’immagine in basso il risultato dopo l’applicazione dello strumento Soglia.

Come possiamo notare, la foto si è ridotta a 2 colori e gran parte delle informazioni del colore si sono unificate o nel Nero e o nel Bianco, e il soggetto continua a mantenere un certo livello di dettaglio.

Scelta dei colori

Quando si vuole creare un effetto di tipo Duotone, si devono scegliere i colori in modo sapiente, è vero che bene o male il risultato sarà almeno sufficiente se non migliore, ma con i giusti colori avremo almeno la certezza che dal punto di vista cromatico nessuno ci potrà obiettare nulla.

Adobe color
Iris - Color editor

Di solito la scelta si opera attraverso due soluzioni:

  • Colori Complementari – Ogni colore ha il suo opposto, quindi due colori opposti tra loro si chiamano complementari.
  • Colori Analoghi – Si sceglie un colore e di conseguenza un secondo colore, analogo, preso in un range di tonalità affini al colore base.

Nella scelta dei colori mi avvalgo di due strumenti potenti ma facili e intuitivi nello stesso momento.

  • Adobe color – È uno strumento online offerto da Adobe che ci permette, appunto, di scegliere i colori in base a delle condizioni, c’è anche la possibilità di registrarsi gratuitamente per salvare i propri set di colori ed eventualmente condividerli in rete.
  • Iris – Non è un programma Open Source ma è gratuito per Linux, ovviamente gira su tutti i sistemi operativi, ha le stesse funzioni dello strumento di Adobe, ma ci consente di utilizzarlo senza andare ogni volta in rete, ovviamente consente il salvataggio di qualsiasi set di colori da noi creato.

A sinistra le immagini relative ai due strumenti, che se cliccate, riportano direttamente al sito proprietario. Nel primo caso online nel secondo al link per scaricare il software.

Aggiunta del colore

Nel piccolo video a sinistra la procedura per applicare i due colori all’immagine.

Nell’immagine in basso il risultato finale.

Colori complementari
Colori analoghi

La procedura è la medesima, cambia solamente la scelta dei colori, questa volta sono colori Analoghi, quindi affini tra loro e sono applicati ad un soggetto diverso.

L’unica differenza è che come ultimo ritocco ho modificato leggermente il colore con lo strumento Tonalità-saturazione, attivabile dal menu Colori »» Tonalità-saturazione, come mostrato nell’immagine a sinistra.

In basso il risultato finale.

Potrebbero interessarti anche...

Top