Matita

Gimp
Strumento matita
Pannello opzioni Matita

Strumento simile al Pennello, utile per creare linee rette nette o disegnare pixel singoli in miniature, icone o Pixel Art.

Si attiva tramite il Pannello Strumenti, il comando da tastiera N oppure attraverso il menu Strumenti »» Disegno »» Matita.

La prima opzione disponibile nel pannello delle opzioni è la Modalità di fusione e dell’Opacità, per avere un’idea di come funziona leggere l’articolo dello strumento Gradiente.

Pennello

Lo strumento Matita, per disegnare, utilizza i pennelli dello strumento Pennello, con alcune differenze, i pennelli sfocati non applicano sfocatura ai bordi.

Possiamo scegliere tra una varietà cospicua di preset che Gimp ci mette a disposizione, possiamo comunque aggiungere nuovi pennelli, in rete se ne trovano svariati, qui una collezione importante, Brushcollection. Vedremo in seguito come creare dei nuovi preset Pennello.

Dimensione

Prima opzione della sezione Pennello, con questo cursore, che ha anche un campo valore, possiamo modificare la dimensione del pennello, a volte, in immagini di dimensioni grandi, bisogna aumentare la dimensione per non avere una disegno quasi impercettibile.

Per aumentare le dimensioni lo si può fare in svariati modi, agendo direttamente sul cursore, immettendo un valore numerico nel campo valore, oppure, sempre dopo aver cliccato nel campo valore, usare i tasti freccia ⬆ e freccia ⬇ per aumentare o diminuire a passi di 0.01, oppure i tasti Pag-⬆ e Pag- per variare a passi di 1.00. Esiste anche un altro metodo, quello di girare la rotellina centrale del mouse, sfortunatamente Gimp non ce l’ha impostato di default, in un successivo tutorial vedremo come fare per assegnare un comando alla rotellina del mouse per cambiare le dimensioni del pennello.

Rapporto dimensioni

Il Rapporto dimensioni determina il rapporto tra larghezza e altezza del pennello, valori negativi restringono in altezza il pennello mentre valori positivi lo restringono in larghezza.

Nelle figure a sinistra la matita con il rapporto cambiato, la prima con valore -15, la seconda con valore +15.

Angolo

L’angolazione di questo strumento funziona solo con pennelli quadrati o quadrangolari.

Spaziatura

Con la spaziatura il tratto della matita non sarà continuo ed è in relazione con la dimensione del pennello, con l’aumentare del valore aumenterà lo spazio tra un tratto e l’altro. Nella figura a sinistra la differenza di un tratto da 5 pixel con spaziatura 10 (valore di default) e uno di spaziatura 200. Si consiglia di utilizzare pennelli quadrati per un risultato ottimale.

Durezza e Forza

Queste due opzioni non hanno effetto con lo strumento Matita, la Forza addirittura è disabilitata, sicuramente saranno funzioni disponibili con i prossimi aggiornamenti di Gimp.

Dinamiche

Le Dinamiche servono ad aggiungere realismo al disegno, sono presenti anche con lo strumento Matita ma sarebbe opportuno utilizzarle con lo strumento Pennello, che ne abilita tutte le funzioni. Per avere, comunque maggiore controllo sulle Dinamiche è opportuno dotarsi di una tavoletta grafica, proprio perché, a differenza del mouse, la tavoletta sente la pressione della penna come anche l’angolazione e la rotazione. In sostanza l’utilizzo delle dinamiche è consigliato solo a chi ha la tavoletta grafica, anche se alcune opzioni sono disponibili con il mouse.

Vediamone solamente alcuni aspetti, argomento che si approfondiràe con lo strumento Pennello.

Preset Dinamiche

Nella sezione Dinamiche c’è un’icona, che cliccandola, apre una tendina e ci mostra tutti i preset che Gimp ci mette a disposizione. Come detto già in precedenza, la maggior parte di queste dinamiche ha valore se utilizzate con una tavoletta grafica.

Di default le dinamiche sono disabilitate e quindi settate su “Dyamics Off“.

Tali dinamiche possono essere anche modificate, a patto che se ne faccia una copia e si crei una Dinamica nuova, quelle preesistenti non sono modificabili. Per farlo è sufficiente cliccare sulle icone alla fine del pannello, la prima icona modifica la dinamica, la seconda crea nuove dinamiche, la terza crea una copia, la quarta le cancella e la quinta le aggiorna.

Vediamo sommariamente cosa succede quando si modifica una dinamica appena creata o clonata. Nella figura sotto è stata clonata la dinamica Dynamics Off, ma si può rinominare col nome che più ci piace o identifica quella dinamica.

Scheda modifica delle Dinamiche

Quando si modifica una dinamica si apre questa scheda e questa si posiziona sull’opzione Matrice di mappatura, è una tabella dove si possono settare vari parametri in correlazione con altri, per capirne bene l’utilizzo fare riferimento alla guida che Gimp mette a disposizione sulle dinamiche.

Applica tremolio

Questa opzione, come dice la parola stessa, applica un tremolio al tratto che si sta disegnando, controllato da un cursore con campo valore che può aumentarne o diminuirne l’intensità.

Nell’esempio della figura sotto, un segno senza Tremolio e un segno con il Tremolio applicato, con un valore di 1,90.

Esempio di Tremolio applicato
Smussatura delineata

Questa opzione applica una smussatura ai tratti disegnati, ha due opzioni, la Qualità, maggiore sarà la profondità, maggiore sarà la smussatura applicata che però è in correlazione con il Peso, ossia la gravità dello strumento quando si disegna, infatti più si aumenta e più dolci saranno eventuali curve nel tratto, ma anche più pesanti nel disegnarle, infatti a valori molto alti la sensazione è quella di avere un peso sul mouse o sulla stilo della tavoletta.

Nell’esempio sotto, in figura, lo stesso disegno di uno pseudo arco, senza e con Smussatura delineata. I valori utilizzati sono quelli mostrati nella figura qui a sinistra.

Smussatura delineata applicata
Blocca il pennello alla vista

Con questa opzione abilitata, indipendentemente dall’ingrandimento dell’immagine o di quanto sia grande, al 100% della grandezza le dimensioni del pennello, a livello visivo, rimangono invariate.

Negli esempi mostrati sotto, un pennello con diametro 135 e ingrandimento dell’area di disegno al 550% con vista del pennello sbloccata e lo stesso pennello con vista bloccata.

vista-sbloccata
Vista Pennello sblocata
Vista Bloccata
Incrementale

L’opzione Incrementale non è facile da capire immediatamente, lavora sull’opacità, ma come dice la guida di Gimp, non tiene conto dell’opacità impostata ma lavora ad incrementi di opacità maggiore ogni volta che si ripassa sul segno già fatto, in pratica non è proprio così, ma per capirlo è sufficiente vedere gli esempi mostrati nella figura che segue.

Se si imposta un’opacità del 10% con l’opzione Incrementale disattivata, il tratto risulterà effettivamente di quella opacità e se è continuo, ossia lo si crea senza mai interrompere il segno, non mostrerà sovrapposizioni, mentre attivando tale opzione, nel medesimo caso, l’opacità sarà molto superiore al 10% e si noteranno le sovrapposizioni perché in quel punto l’opacità aumenta. L’unico modo per far notare le sovrapposizioni di opacità con l’opzione disattivaa è quella di interrompere il segno.

Nella figura sotto, i primi due disegni, uno sotto l’altro, sono stati creati con l’opzione disattivata, il primo eseguito senza interruzioni, il secondo invece creando delle linee e quindi interrotto. Gli altri due disegni hanno la stessa modalità di esecuzione ma con l’opzione attivata.

esempio-incrementale
Esempio di Incrementale

Potrebbero interessarti anche...

Top